Rizzoli Libri

Icona Login Accedi

Un’estate con Omero

Sylvain Tesson

Bur

e Odissea raccontati come un’avventura

“Versi capaci di svelarci l’enigma del domani e di chi, ancora, non siamo diventati.” Andrea Marcolongo

L’Iliade e l’Odissea sono, non per caso, i più antichi longsellers della storia: la loro voce continua a parlarci di un’umanità che sentiamo infinitamente più vicina dei duemilacinquecento anni che ci separano da quando sono stati composti. Come possono rimanere così impassibili allo scorrere del tempo? Come può l’avvicendarsi delle epoche lasciare da sempre intatta la loro attualità? Per scoprirlo, Sylvain Tesson si è ritirato per qualche mese in un isolotto delle Cicladi, immerso nella luce che riverbera sull’intonaco bianco delle case e nel vento, primo sostegno ai naviganti che solcano il mare, con la sola compagnia dell’aedo e delle sue Muse. Il risultato è al contempo romanzo, studio e viaggio, animato da eroi che sono prima di tutto uomini, divinità che scendono al fianco dei loro protetti e poi gli altri grandi protagonisti: la hybris, la volontà di superare i limiti umani; il fato, la bellezza, la forza, il lutto, la guerra, l’amore. Tematiche universali che ci mostrano come in realtà l’uomo sia da sempre uguale a se stesso e che i sentimenti che agitano gli eroi in battaglia non sono diversi da quelli che sperimentiamo anche noi, tutti i giorni.

Libri Correlati

vedi tutti