Rizzoli Libri

Icona Login Accedi

La ballata del vecchio marinaio

Samuel Taylor Coleridge

Bur

Nasce dal sogno di un amico, durante una passeggiata con William Wordsworth, l’idea della Ballata del vecchio marinaio, la vicenda fantastica della maledizione che si abbatte sull’equipaggio di una nave a causa dell’insensato gesto di uno dei marinai: l’uccisione di un albatros. Bilanciando sapientemente il mondo del reale e del soprannaturale, razionale e irrazionale, in un grande mito di mare e ghiaccio, espiazione e colpa, con la presenza di creature ultraterrene e forze misteriose che sospingono la nave e il racconto, il poeta si fa albatro nella metafora dell’opera, e fondendo romanzo gotico, letteratura di viaggio e ballata tradizionale, riesce a salvare se stesso tramite il potere dell’immaginazione nella propria creazione artistica. Recuperando la forma metrica della tradizione poetica popolare inglese, con un linguaggio evocativo e immaginifico, Coleridge compone una delle liriche manifesto del sublime romantico inglese, la cui poetica raggiunge, in questo volume, la sua perfetta espressione nelle incisioni di Gustave Doré, artista eclettico e poliedrico, in grado di incarnare coi suoi tratti cupi e angosciati lo spirito dei testi della letteratura coeva e non.

Libri Correlati

vedi tutti