Rizzoli Libri

Icona Login Accedi

Il medioevo in parlamento

Elena Fattori

Bur

Vaccini, Stamina, Sperimentazione animale. Perché la politica sta boicottando la scienza

La senatrice M5S che ha lottato contro Stamina e Antivax

I rapporti tra politica e scienza non sono mai stati facili, ma negli ultimi anni, complici il populismo diffuso e una comunicazione distorta, il divario si è allargato, giungendo spesso fino a negare le ragioni della seconda a favore della prima: su Stamina, sui vaccini, sulla sperimentazione animale e molto altro. Ma la scienza non è democratica, e su questi temi l’opinione comune non si può sostituire alla competenza degli esperti, né le ragioni elettorali alla ricerca scientifica. Lo sostiene con sempre maggior forza la comunità scientifica, impegnata a salvaguardare le ragioni della conoscenza, e lo afferma anche Elena Fattori, senatrice del Movimento 5 Stelle, che spesso ha proclamato con forza le proprie convinzioni - “Stamina non esiste”, “La sperimentazione animale è parte integrante della ricerca scientifica”, “Ho espresso un indignato voto contrario” (sullo slittamento dell’obbligo vaccinale) – trovandosi anche in contrasto con una porzione del suo partito. Oggi in questo libro Elena Fattori ricostruisce con chiarezza e onestà il suo percorso, alla luce della sua vita personale e della sua esperienza di scienziata e parlamentare, svelando i retroscena del dibattito politico sui temi scientifici e chiarendo la sua posizione (e la sua opposizione) sulle campagne antiscientifiche che proliferano in Parlamento, a tutela degli interessi della società contro chi vorrebbe riportarla al medioevo. Un intervento sincero, provocatorio e senza filtri di una voce critica che mette la conoscenza e la verità prima di tutto.